#DylanDay 2017 – Torino Italy – DYLAN&DYLAN

 Dylan&Dylan, digital collage by Lidia Chiarelli (from original photos by Nora Summers and Alberto Cabello, painting by G. Actis)

Conference at Binaria Book, via Setrière 34 Torino – May 12, 6 pm

 

SORRY

 

You should be sorry, Bob D.

You poached the name from my dad

 

Memphis not-near-the-sea

Cannot catch sea-son of wave

 

My dad was Dylan Thomas

That’s what I say, honest

 

Not that I want to brag

Bob Dylan doesn’t quite have

 

The sea shell sound of the grave

It’s all over now, baby blue

 

Sorry Bob

 

AERONWY THOMAS

(first published in “Rooks and Poems” –  Poetry Monthly Press, Nottingham 2004)

Courtesy of Trefor and Hannah Ellis

MI DISPIACE

 

Dovresti scusarti Bob D.

Hai scippato il nome di mio padre

 

Memphis non-vicino-al-mare

Non  può prendere il figlio dell’onda del mare

Mio padre era Dylan Thomas

Ecco quello che dico, con franchezza

 

Non che voglia vantarmi

Bob Dylan proprio non ha

 

Il suono di  conchiglia marina della tomba

E’ tutto finito ora, baby blue

 

Mi dispiace Bob.

 

Traduzione di Lidia Chiarelli

 

“Night Scene” painting by Tuwshee, Mongolia. “Street lamp” poem by AERONWY THOMAS, UK

(Copyright Tuwshee)
 

STREETLAMP

 

We look to the past

When the light shone brighter

When days were sun filled

And after dark

We loitered hand in hand

Under its yellow beam

Your summer dress picked out

Your face lit

In  mysterious tones

As we cuddled together

Afire

Under the street lamp.

 

We struggle to remember

Its warm glow

Its elegant form

While  the sharp lights

Where we take

Our evening stroll

These winter nights

Are so bright

Fail to flatter

Your hard-won lines

Your worried frown

Oh for the street lamp

When life was just begun

And I kissed you, my love,

 Under its subtle rays

 

AERONWY   THOMAS

 

LAMPIONE

 

Noi guardiamo verso il passato

Quando la luce splendeva più chiara

Quando i giorni erano pieni di sole

E dopo l’oscurità

Indugiavamo mano nella mano

Sotto i suoi gialli raggi

Il tuo vestito estivo metteva in risalto

Il tuo viso illuminato

Con  toni misteriosi

Mentre ci abbracciavamo

Forte

Sotto il lampione.

 

Ora noi lottiamo per ricordare

Il suo caldo bagliore

La sua forma elegante

Mentre le luci taglienti

– Là dove facciamo

La nostra passeggiata serale

In queste sere d’inverno –

Sono così luminose

Ma non riescono ad addolcire

Le tue rughe eroicamente conquistate

Il  tuo sguardo preoccupato.

Oh quel lampione

Quando la vita era appena iniziata

E io ti baciavo, amore mio,

Sotto i suoi raggi sottili

 

Translated by:  Lidia  Chiarelli