“Torino” poem by Albarosa Bertoli, Italy. Photo from Guido Chiarelli’s Archives.

Torino, Piazza Vittorio by night (1960) - Photo from Guido Chiarelli's archives

TORINO

 

Lastricati lucidi di pioggia,

attraversati dalle cicatrici

delle rotaie.

 

Angoli dove il vento

s’insinua gelido.

Misteriosi portoni aperti

su solitari silenzi.

 

Dov’è finito il cielo?

 

Imperiosi palazzi, scuri e grigi,

mi opprimono e mi invitano

alla calda accoglienza

del luminoso caffè.

 

Bella e misteriosa Torino

mi accompagni

nel viaggio sognato verso le terre

natie in cui non mi riconosco più.

 

Siamo foglie sospinte dal volitivo vento

della giovinezza o dalla brezza autunnale

che non ci lascia scampo

e preannuncia i rigori dell’inverno.

 

Albarosa Bertoli

 

“Rainy Evening at Orchard Road”, painting by DENNIS SANTOS, Philippines. “Concerto d’Inverno”, poem by LIDIA CHIARELLI, Italy

(copyright Dennis Santos)

Concerto d’Inverno

“And the whole city sleeping drifts

like a lost dirigible

unconscious

of the immense mystery

 

E l’intera città dormiente va alla deriva

come un dirigibile perduto

ignaro

dell’immenso mistero

Lawrence Ferlinghetti

Concerto d’inverno

che – come dolci note –

le gocce di pioggia

improvvisano

in questa fredda sera.

Abbaglianti

le luci delle vetrine

raccontano come sempre

le loro favole illusorie.

Noi camminiamo in silenzio

estranei, distratti

mentre la città

stranamente vuota

ci avvolge nel suo umido abbraccio.

Lidia Chiarelli