Fethi Sassi, Immagine & Poesia, Lidia Chiarelli

“When you gaze” poem by Fethi Sassi, image and Italian translation by Lidia Chiarelli

when you gaze copia

When you gaze

 

May I tell you something?

When you stare into a water drop

You wet the balcony where I sit waiting

And then you ask yourself

How can I wipe off the time stuck on the window?

And when you hear the rain in my mouth

It whispers to the naked star above the whiteness

Tell her about me

And grab the dream from his hands

And don’t let it fall on the sand

And it will be as beautiful as a moon that peaked through your eyes

And slept on the water side

________________

Quando guardi

 

Posso dirti una cosa?

Quando guardi a lungo in una goccia d’acqua

Diventa umido anche il balcone dove mi siedo ad aspettare

E poi ti chiedi

Come posso cancellare il tempo che si è fermato sulla finestra?

E quando senti la pioggia nella mia bocca

Che sussurra alla stella nuda sopra quel candore

Raccontale di me

E prendi il sogno dalle sue mani

E non lasciarlo cadere sulla sabbia

E sarà bello come una luna che ha raggiunto il culmine attraverso i tuoi occhi

E ha dormito in riva al mare

 

Advertisements
Fethi Sassi, Immagine & Poesia, Lidia Chiarelli

“Strangers may talk about you” poem by Fethi Sassi, image and Italian translation by Lidia Chiarelli

strangers may talk about you

Strangers may talk about you

 

Strangers may talk about you

And you as usual get stuck in the arch of your little griefs

They may say that you come from there

From the language

So that your sadness turn green

But the hanging door like the laughter of a star opens its arms for sleep

To sneak in secretly from the whole of the sunset

But all what is left of talk on the borders of your mug

Will gift you a new dress for a question free summer

_________________________

Gli sconosciuti possono parlare di te

 

Gli sconosciuti possono parlare di te

E tu, come al solito, rimani bloccata nell’arco dei tuoi piccoli dolori.

Potrebbero dire che tu vieni da lontano

Da antiche parole

Così che la tua tristezza si rafforza

Ma la porta scorrevole come la risata di una stella apre le braccia al sonno

Per dare accesso segretamente dal grande tramonto

Ma tutto quello che rimane di chiacchiere sui bordi della tua tazza.

Ti regalerà un nuovo abito per una estate senza domande

Fethi Sassi, Immagine & Poesia, Lidia Chiarelli

“Clouds” poem by Fethi Sassi, image and Italian translation by Lidia Chiarelli

clouds copia

Clouds

 

Usually I do not cry in my poems

So that languages don’t hear me

And assume that I’m a crying poet

And so that the whores won’t gossip

And simply I will not write other poems

I won’t be in my chair to observe the clouds

The silently passing by clouds

And I won’t observe the dead

I will always be there however

In my balcony waiting for water

____________

Nuvole

 

Di solito non piango nelle mie poesie.

Così che le parole non mi sentano

E suppongano che io sia un poeta che piange.

E in modo che le puttane non facciano pettegolezzi.

E semplicemente non scriverò altre poesie

Non starò sulla mia sedia a osservare le nuvole

Il passaggio silenzioso delle nuvole

E non osserverò i morti.

Ma ci sarò sempre, comunque.

Nel mio balcone in attesa dell’acqua

_______________