#DylanDay 2017 – Torino Italy – DYLAN&DYLAN

 Dylan&Dylan, digital collage by Lidia Chiarelli (from original photos by Nora Summers and Alberto Cabello, painting by G. Actis)

Conference at Binaria Book, via Setrière 34 Torino – May 12, 6 pm

 

SORRY

 

You should be sorry, Bob D.

You poached the name from my dad

 

Memphis not-near-the-sea

Cannot catch sea-son of wave

 

My dad was Dylan Thomas

That’s what I say, honest

 

Not that I want to brag

Bob Dylan doesn’t quite have

 

The sea shell sound of the grave

It’s all over now, baby blue

 

Sorry Bob

 

AERONWY THOMAS

(first published in “Rooks and Poems” –  Poetry Monthly Press, Nottingham 2004)

Courtesy of Trefor and Hannah Ellis

MI DISPIACE

 

Dovresti scusarti Bob D.

Hai scippato il nome di mio padre

 

Memphis non-vicino-al-mare

Non  può prendere il figlio dell’onda del mare

Mio padre era Dylan Thomas

Ecco quello che dico, con franchezza

 

Non che voglia vantarmi

Bob Dylan proprio non ha

 

Il suono di  conchiglia marina della tomba

E’ tutto finito ora, baby blue

 

Mi dispiace Bob.

 

Traduzione di Lidia Chiarelli

 

Advertisements

#DylanDay celebrated in TORINO, ITALY

DYLAN & DYLAN poster

Dylan&Dylan, digital collage by Lidia Chiarelli (from original photos by Nora Summers and Alberto Cabello, painting by G. Actis)

Intervengono:

Paolo Bertinetti, Anglista Professore Emerito dell’Università di Torino

Roberto Briscese, Cantautore

Massimo Trombi, Libraio Binaria Book

Lidia Chiarelli, Presidente Associazione Immagine & Poesia

Anna Maria Bracale Ceruti, Presidente Associazione Il Luogo delle Arti

 

Moderatore: Darwin Pastorin, Giornalista

 

Da un’idea di Darwin Pastorin: un incontro per mettere in luce quanto il poeta gallese Dylan Thomas e il cantautore americano Bob Dylan hanno in comune.

Nel 1959 Robert Zimmerman iniziò a presentarsi  come “Bob Dylan” durante l’esecuzione di un concerto di musica folk . Come in seguito rivelato nella sua autobiografia, l’influenza di Dylan Thomas andò ben oltre la scelta del nome d’arte arrivando a plasmare lo stile e i contenuti delle canzoni che Bob Dylan ha scelto di scrivere.

 

BINARIA BOOK, via Sestrière 34 Torino

Venerdì 12 maggio 2017 ore 18, ingresso libero

 

HIS SIDE OF THE TRUTH (Llewelyn’s imagined response to his father) by FIONA GREEN, UK

IMG_5290

(Llewelyn  walking in a misty meadow near Dawlish – watercolour by Fiona Green)

This poem should be read alongside Dylan Thomas poem “This Side of the Truth” – for Llewelyn.

http://www.poemhunter.com/best-poems/dylan-thomas/this-side-of-the-truth/

HIS SIDE OF THE TRUTH : Llewelyn’s imagined response to his father

Llewelyn saw your side of the truth, and rejected it
In the blinding country of his middle age.
He saw what was undone
Under the unminding skies
King of his heart in the blind days.

King of his sixty one years,by the grinding Dawlish sea
He blew away like breath;
Went crying through you and me
And the souls of all men :
A hard death.

And all your deeds and words,Dylan
Were cast, before he moved
Each truth, each lie
Was judged …. and died ….
In his unjudging love.

Fiona Green

http://news.fitzrovia.org.uk/2012/07/17/fionas-fantastic-life/

Llewelyn Thomas & Fiona Green  lived together for his
last six years

International Dylan Thomas Day #DylanDay in Torino

EXHIBITION of paintings, digital  art, fine art photos, installations and poems @ IMMAGINE&POESIA Association Centre, Torino – May 14 2015

https://vimeo.com/126282372

english_dylan_day_poster_jpeg

Collage by Federica Nightingale from a photo by Nora Summers
Collage by Federica Nightingale from a photo by Nora Summers
"Dylan Thomas in blue" digital print by Lidia Chiarelli, Italy
“Dylan Thomas in blue” digital print by Lidia Chiarelli, Italy
"Forest Picture" fine art photo by Alessandro Actis
“Forest Picture” fine art photo by Alessandro Actis

 

"O make me a mask" installation by Gianpiero Actis and Lidia Chiarelli
“O make me a mask” installation by Gianpiero Actis and Lidia Chiarelli

Dylan Thomas Celebration in Torino, Italy : Portraits Exhibition at Biblioteca Alberto Geisser, March 25, 2015

 

Light your Fire
“Dylan, light your fire” mix-media by Lidia Chiarelli, Italy (from an original photo by Nora Summers – courtesy of Jeff Town)

 

 

"Dylan Thomas in blue" digital print by Lidia Chiarelli, Italy
“Dylan Thomas in Blue” digital print by Lidia Chiarelli, Italy (from an original photo taken in Battersea in 1936, courtesy of Jeff  Town)

 

 

 

 

Dt portrait
“Portrait of Dylan Thomas” by Gianpiero Actis, Italy

 

 

… and a special remembrance of Aeronwy Thomas, Dylan’s daughter

 

"Aeronwy Thomas" by Liliana Cecchin, Italy
“Aeronwy Thomas” by Liliana Cecchin, Italy

 

_Aeronwy-Binello.rid.
“Portrait of Aeronwy Thomas” by Davide Binello, Italy

 

 

 

“Il Gobbetto nel Parco” poesia di Dylan Thomas

Il gobbetto nel parco

Un signore solitario

Sorretto tra alberi e acqua

Dall’apertura del lucchetto del giardino

Che lascia entrare l’acqua e gli alberi

Fino alla cupa campana della domenica quando è buio

Mangiava pane da un giornale

Beveva acqua da una tazza legata ad una catena

Che i bambini riempivano di ghiaia

Nella vasca della fontana dove facevo veleggiare la mia barca

Dormiva di notte in un canile

Ma mai nessuno lo incatenava.

Arrivava presto come gli uccelli del parco

Come l’acqua era sedentario

E Signore chiamavano Ehi Signore

I ragazzi di città che marinavano la scuola

Correndo quando li aveva uditi chiaramente

Fuori dalla portata di voce

Oltre il laghetto e i finti scogli

Ridendo quando scuoteva il giornale

Ingobbiti per derisione

Attraverso lo zoo rumoroso del boschetto di salici

Sfuggendo al guardiano del parco

Munito del bastone con cui raccoglieva le foglie.

E il buon cane solitario

Sonnecchiava da solo tra bambinaie e cigni

Mentre i ragazzi tra i salici

Lasciavano uscire tigri dai loro occhi

Per ruggire sulle pietre rocciose

Ed i boschetti erano blu di marinai

Costruiva per tutto il giorno fino all’ora della campana

Una figura perfetta di donna

Diritta come un giovane olmo

Diritta e alta dalle sue ossa contorte

Una donna che potesse restare la notte

Dopo i lucchetti e le catene.

Tutta la notte nel parco disfatto

Dopo che le inferriate e i cespugli

Gli uccelli l’erba gli alberi e il lago

E i ragazzi turbolenti innocenti come fragole

Avevano inseguito il gobbetto fino al suo canile nel buio.

(Translated by Lidia Chiarelli)